Autostrade: i Benetton brindano alla “sconfitta”

La soluzione scelta da  Giuseppe Conte per districare il caso Autostrade, che non è stata quella revoca della concessione annunciata il giorno prima dallo stesso premier, è un affare per i Benetton.
Infatti l’intera famiglia veneta dodici ore dopo l’annuncio dell’accordo si si è trovata più ricca di 805 milioni di euro rispetto alla sera precedente. Grazie alla decisione del consiglio dei ministri infatti il titolo Atlantia è impazzito in borsa aumentando del 26,65% in poche ore, e mettendo in tasca alla sola famiglia Benetton 768,9 milioni di euro. L’euforia era tale che ha coinvolto tutti i titoli quotati da loro partecipati, schizzati in alto. Con Autogrill Luciano e famiglia sono diventati più ricchi di 29,8 milioni di euro. Con Generali si sono messi in tasca altri 6,2 milioni e pure Mediobanca li ha arricchiti di 186 mila euro.

Dunque dopo quasi due anni di manfrina né il premier, né il Movimento 5 stelle hanno deciso quella revoca della concessione ad Autostrade per l’Italia (Aspi) più volte annunciata provocando scossoni in borsa. Nella notte di palazzo Chigi è stata prima rifiutata la proposta dei Benetton di vendere l’intera partecipazione in Aspi alla Cassa depositi e prestiti (Cdp) e poi approvato un piano che prevede la lenta progressiva uscita di Atlantia – società controllata dai Benetton- dal capitale di Aspi a favore della stessa Cdp e di nuovi investitori istituzionali. Quel piano era stato per altro studiato all’interno della stessa Cdp e presentato al governo già nell’autunno 2018, ma subito accantonato per l’opposizione della delegazione governativa del M5s che temeva in quel modo di perdere la faccia perché non si revocava la concessione come promesso. Anche se fin da quella data alcuni esponenti grillini come il saggio Stefano Buffagni invitavano a vederne meglio i particolari…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Giornale
-->