Nel 2020 l’Italia rischia 2 milioni di disoccupati

Il calo del 9,3% degli occupati a tempo pieno stimato per il 2020 dall’Istat“è un’enormità, che tradotta fa oltre due milioni di posti di lavoro persi”. E’ quanto sottolinea il presidente della Fondazione Adapt, Francesco Seghezzi, secondo cui “È molto più complesso far riprendere l’intero mercato del lavoro con un calo cosi’ drammatico di posti, piuttosto che far risollevare il Pil dal crollo – comunque drammatico – stimato”. 

Far riprendere il mercato del lavoro a fronte di un calo di oltre 2 milioni di posti di lavoro come stimato dall’Istat è per l’economista molto complesso. E ragiona: “Quando un posto di lavoro viene perso non è detto che poi un aumento del Pil ricreerà lo stesso posto di lavoro; può portare infatti a creare un altro posto di lavoro o può creare nessun altro posto di lavoro perché magari il Pil cresce in settori che non hanno grande domanda di occupazione”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!