Covid-19: luxury brand sempre sotto pressione

L’industria mondiale del lusso è sotto pressione per l’emergenza Coronavirus. Un’emergenza che per il comparto è iniziata praticamente a inizio anno con la crisi in Cina, oggi uno dei più importanti mercati di sbocco per i prodotti dei luxury brand. E anche se ora in Cina si va verso una normalizzazione, i problemi si sono trasferiti in Europa e negli Usa, senza che, ovviamente, ci sia stato ancora alcun cenno di ripresa dei consumi cinesi.

Tutte le griffe, allo scoppiare dell’emertenza in Cina, hanno cercato di dirottare i prodtti in aree non interessate dall’epidemia, ma non è servito dal momento che questa si è esteda apraticamente tutte le zone di possibile interese.. Così le vendite si sono fermate e le merci restano in magazzino. 

In proposito l’analista Krista Corrigam, intervistata da Vogue Business gha stimato che il numero di beni di alta gamma attualmente in stock,, supera del 32% quello dello scorso anno.

Così secondo alcuni osservatori le aziende della moda dovrebbero rivedere le loro strategie vendendo collezioni in pratica destagionalizzando. Ossia dovrebbero continuare a proporre beni che in tempi normali avrebbero avuto la durata di una sola stagione, recuperando così almeno parte dell’invenduto.

Tutti i brand del lusso cono dunque impegnati a rivedere le proprie strategie anche per il rischio che gli effetti di questa crisi possano perdurare anche per buon parte del prossimo anno. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!