Acque Minerali d’Italia al concordato preventivo

Il gruppo Acque Minerali d’Italia, di cui fanno parte i marchi Norda, Sangemini, Gaudianello, Fabia e Grazia, presenterà “il concordato in bianco” per consentire “la continuità aziendale e occupazionale”. La comunicazione dall’avvio della procedura è stata data dalla proprietà e dal management dell’azienda nel corso di un appuntamento telefonico con gli stessi sindacati.

La proprietà ha ribadito che nessuno stabilimento verrà chiuso, che non si procederà a riduzioni di personale e che l’obiettivo è di ritornare a regime nelle prossime due settimane”.

L’accesso alla procedura di concordato preventivo in bianco “non pregiudicherà in alcun modo la capacità produttiva della società, che non prevede alcuna chiusura degli stabilimenti di sua proprietà” ha quindi assicurato Acque Minerali d’Italia, di cui fa parte anche Sangemini. La società, in una nota, ha annunciato di avere depositato la domanda di immissione alla procedura presso il tribunale di Milano.

L’azienda di Carlo Enrico Pessina, che conta otto siti produttivi, 26 sorgenti disponibili e 400 dipendenti, avrebbe un indebitamento finanziario lordo di 94 milioni.

Un anno fa gli azionisti avevano messo mano al portafoglio e ricapitalizzato la società con 15 milioni. Secondo dati Mediobanca, nel 2018 la società ha realizzato ricavi per 121 milioni, un utile operativo è di -1,6 milioni e una perdita netta di 7 milioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!