Nuove regole Ue per le etichette alimentari

Cambiano dal primo aprile 2020 le regole comunitarie sulle etichette alimentari. L’obbligo di indicare l’origine degli ingredienti, in vigore in Italia per diversi prodotti, dovrà essere rispettato solamente in alcuni casi; ad esempio quando c’è il rischio che il consumatore si possa confondere sulla provenienza di un alimento in quanto ad esempio vi sono diciture, illustrazioni, simboli o termini sulla confezione che si riferiscono a luoghi geografici. In Italia potrebbe quindi decadrebbe l’obbligo di indicare l’origine della materia prima utilizzata per pasta, riso, latte e passata di pomodoro in vigore da diversi anni. Il Regolamento 1169 del 2011 concedeva, infatti, agli Stati membri dell’Unione la possibilità, qualora ci fosse un interesse espresso dai consumatori, di ampliare le indicazioni riportate in etichetta in via sperimentale fino al 1 aprile 2020.

Una risposta

  1. Ciaciovenexian ha detto:

    E te pareva! Così mangeremo merda, comunitaria o extra UE, ma sempre merda. E i vari Conte, Di Maio, Salvini, ecc. dove sono? Già adesso è difficile capire certe indicazioni, figurati prossimamente. Spero che i tanti Organismi che si proclamano paladini dei consumatori riescano a bloccare questa ennesima truffa. Ne va della loro credibilità. Lo faranno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!