Boris Johnson nuovo premier britannico

Boris Johnson è il nuovo primo ministro britannico e succede alla dimissionaria Theresa May. Ha ricevuto dalla regina l’incarico formale. Il neo leader Tory, 55 anni, paladino della Brexit, subentra alla 66enne collega di partito Theresa May.

Prima del passaggio formale di consegne, si sono dimessi come preannunciato alcuni ministri del governo May considerati più moderati di Boris Johnson e contrari all’ipotesi di una Brexit no deal il 31 ottobre. I nomi di maggiore spicco fra coloro che si sono fatti da parte, certamente fuori dalla prossima compagine, sono quelli di David Lidington, vicepremier di fatto con May, del cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, del ministro della Giustizia, David Gauke, e del titolare della Cooperazione Internazionale (e già candidato alla leadership Tory), Rory Stewart.

Boris Johnson entra a Downing Street con un discorso dai toni assertivi in cui evoca “un nuovo e migliore accordo” con l’Ue sulla Brexit, insiste sul 31 ottobre per l’uscita dall’Ue e dice no “ai pessimisti” che non credono “alla nostra capacità di onorare il mandato democratico”del referendum del 2016. Proveremo che “i critici e i dubbiosi si sbagliano”, dice il nuovo premier britannico, pur ricordando che ci sono solo 99 giorni. Poi definisce “remota” la possibilità d’un no deal, ma ribadisce che bisogna esser pronti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!