Ebook grande escluso dal Salone del Libro di Torino

ebook

Il libro elettronico è il grande escluso delle manifestazioni di settore a cominciare dal di . E’ la denuncia di Giacomo Bruno, presidente di , tra i primi ad aver portato gli in Italia:  “Nel programma del Salone del Libro di Torino, l’ è il grande assente. Pochissimi gli eventi dedicati, pochi gli editori digitali presenti alla Fiera. Eppure – si legge in una nota di Bruno Editore – i dati parlano chiaro: gli hanno registrato vendite per 13 miliardi di dollari, con una crescita di fatturato del 2,7% anno su anno. Gli attuali lettori di sono 957 milioni nel mondo e supereranno 1 miliardo proprio nel 2020. Una rivoluzione globale. Nel 2018 solo su Amazon i titoli di di microeditori, di editori digitali “puri” oppure autoprodotti con il self-publishing, si stima siano cresciuti del 23% rispetto al 2016. I download sono aumentati del 29%”

Il rischio è che il Salone torinese  invece di essere centro di innovazione per l’editoria, sia solo cassa di risonanza dell’editoria tradizionale.

“Negli ultimi 17 anni ho portato progetti innovativi come gli USB-Book (2008), i QR Code Ebook (2009), il Bancomat degli ebook (2011), ho organizzato conferenze anno dopo anno, ma è sempre stata una battaglia contro i giganti. Piccoli spazi e poca risonanza mediatica. È chiaro che ci sono altri interessi in ballo, per cui si vuole tenere il digitale in un angoletto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!