In Cina una nuova normativa sul latte fresco

L’associazione cinese per l’allevamento di bestiame da latte ha diffuso una normativa sul latte fresco, con l’obiettivo di migliorare il livello dell’allevamento di bestiame e la capacità di produrre latte fresco di alta qualità. Lo riferisce l’agenzia Xinhua.

Li Shengli, scienziato nel settore dell’allevamento di latteria, ha detto in un congresso dell’associazione che la normativa, entrata in vigore il 24 novembre, prevede requisiti più rigorosi per gli indicatori chiave del prodotto. Secondo la normativa, il contenuto di lattoproteine nei prodotti lattiero-caseari freschi dovrebbe raggiungere il 3 percento di grammi, in crescita di 0,2 percento rispetto allo standard nazionale lanciato nel 2010. Il livello dei grassi del latte, invece, non dovrebbe essere inferiore a 3,4 grammi ogni 100 grammi di latte fresco, in crescita di 0,3 percento rispetto al livello del 2010. Fondata nel 2015, l’associazione per l’allevamento di bestiame da latte è composta da aziende lattiero-casearie nazionali e regionali, tra cui Bright Dairy, Sanyuan e Wondersun, oltre che da aziende agricole e istituti di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!