Arrestati vertici Bio-On, titolo sospeso in Borsa

E’ stato posto agli arresti domiciliari Marco Astorri, presidente del Cda di Bio-On, tra i destinatari di un’ordinanza del Gip del tribunale di Bologna Alberto Ziroldi. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bologna hanno eseguito il provvedimento nei confronti di tre esponenti apicali della nota società per azioni bolognese, operante nel settore della bioplastica e quotata in Borsa, ritenuti responsabili dei reati di false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato. E’ stato poi disposto il sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie per 150 milioni di euro. Il titolo della società è stato sospeso in Borsa per eccesso di ribasso. In asta di volatilità arriva a perdere arriva a perdere un teorico 50%.
Gli altri soci interessati dall’ordinanza sono Guido Cicognani, vice presidente del consiglio di amministrazione, e Gianfranco Capodaglio, presidente del collegio sindacale, destinatari questi ultimi di una misura cautelare interdittiva del divieto di esercitare uffici direttivi di persone giuridiche.

L’operazione Plastic Bubbles, che vede complessivamente indagate nove persone (fra amministratori, sindaci, direttore finanziario e revisore), nasce dal monitoraggio svolto dalle fiamme gialle del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria dell’andamento delle contrattazioni in Borsa relative ai principali titoli azionari di aziende operanti nell’area bolognese. Attività che ha consentito, lo scorso mese di luglio, di rilevare e segnalare all’autorità giudiziaria una forte anomalia nell’andamento del titolo della società a seguito della pubblicazione di un report da parte di un fondo americano, che ne metteva in discussione la veridicità dei dati contabili e la solidità finanziaria.

Le attività di sequestro hanno avuto ad oggetto beni e risorse finanziarie degli indagati fino al raggiungimento dell’importo del profitto del reato, quantificato in 36 milioni di euro, nonché le azioni della società quotata nella disponibilità degli stessi, il cui valore ammonta a circa 115 milioni di euro. Contemporaneamente all’esecuzione dei provvedimenti cautelari sono state eseguite numerose perquisizioni fra Emilia Romagna, Lombardia e Lazio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!