Nella vertenza Alitalia rispunta Lufthansa

Lufthansa ha inviato ieri una lettera a Ferrovie dello Stato nella quale si proporrebbe come alternativa a Delta nella nuova Alitalia. Lo si apprende da fonti vicine alla trattativa. La compagnia tedesca, però, entrerebbe nella newco ma senza equity, solo con una partnership commerciale.

“Abbiamo sempre detto che il mercato italiano per noi ha un grande significato, è uno dei più importanti mercati stranieri. Abbiamo pure sempre sottolineato che abbiamo interesse ad un’Alitalia ristrutturata e anche in passato abbiamo detto che ci potremmo immaginare anche un partenariato commerciale”, ha detto un portavoce della compagnia tedesca.

Una mossa, questa, che viene letta in funzione anti Delta, la compagnia americana che fa parte, come l’aviolinea italiana, dell’alleanza Skyteam mentre Lufthansa è tra i big di Star Alliance. Si tratta ora di vedere come questo elemento nuovo possa, eventualmente, delineare nuovi scenari per il futuro di Alitalia. Fatto sta, però, che Lufthansa non intendere investire nell’equity, mentre Delta ha confermato il suo impegno per l’acquisizione di una quota del 10% per un corrispettivo intorno ai 100 milioni, della newco con cui decollerà la nuova Alitalia. Lufthansa, inoltre, si è sempre detta interessata a un’Alitalia ristrutturata e, soprattutto, un diverso tipo di coinvolgimento, potrebbe avvenire senza la presenza dello Stato nelle compagine azionaria. Un puzzle complicato per la cui soluzione il tempo non gioca a favore. Il termine rimane quello del 15 ottobre per la presentazione dell’offerta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!