Carige: l’assemblea approva l’aumento di capitale

L’assemblea degli azionisti della Cassa di Risparmio di Genova (Carige) ha detto sì. Ed ha approvato l’aumento del capitale sociale da 700 milioni di euro richiesto dalle istituzioni di controllo del credito.

Poco dopo le 16, l’assemblea dei soci di Banca Carige ha approvato il piano di salvataggio dell’istituto di credito, che vale 700 milioni di euro di aumento di capitale e 200 in bond: ha votato a favore il 91% dei presenti, pari al 43,3% del capitale.

Fra le prime reazioni, quella di Pietro Modiano, “commissario” ed ex presidente: «Registriamo la scelta consapevole, e anche generosa, del socio Malacalza. Se ero preoccupato? Molto. L’esito non era affatto scontato. Ora pensiamo a portare a termine il piano».All’avvio dell’assemblea era presente il 47,5% del capitale: la Malacalza Investimenti, socio principale col 27,55% delle azioni, non si è registrata; Vittorio Malacalza è arrivato in mattinata dicendo di essere «presente in qualità di piccolo azionista», poi intorno alle 14 ha lasciato la sala e non è più rientrato.

A questo punto può partire il piano di salvataggio che è stato predisposto dal Fondo Interbancario di Tutela dei depositi e che vede coinvolta soprattutto Cassa Centrale Banca, capofila delle BCC del Nord Est. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!