Vendite al dettaglio in frenata, bene online

Vendite in franata a luglio per i negozi tradizionali. Meglio per l’e-commerce.
E’ quanto emerge dalle rilevazioni Istat per le vendite al dettaglio di luglio che evidenziano  una diminuzione congiunturale dello 0,5% in valore e dello 0,7% in volume. Sono in flessione sia le le vendite dei beni alimentari (-0,1% in valore e -0,5% in volume) sia quelle dei beni non alimentari (-0,7% in valore e in volume). 
Su base annua, le vendite al dettaglio registrano invece un aumento del 2,6% in valore e del 2,8% in volume. Sono in crescita sia le vendite dei beni alimentari (+3,2% in valore e +2,4% in volume), sia quelle dei beni non alimentari (+2,1% in valore e +3,1% in volume).

Numeri diversi nella grande distribuzione, dove le vendite risultano in crescita del 3,3%, con la forte spinta dei discount alimentari (+7,2%).

Vero e proprio balzo per il commercio online, che segna un +23,2%.


Guardando invece alle dimensioni delle imprese, spicca il segnale positivo arrivato dai negozi più piccoli, che segnano un incoraggiante + 0,9% su base annua, in discontinuità con i precedenti dati in ribasso.

Nel trimestre maggio-luglio 2019, rispetto al trimestre precedente, le vendite al dettaglio aumentano dello 0,5% sia in valore sia in volume. Sono in aumento sia le vendite dei beni alimentari (+0,7% in valore e +0,5% in volume) sia quelle dei prodotti non alimentari  (+0,3% in valore e +0,4% in volume
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!