Oro, arte, bellezza, il trittico di Vicenzaoro

è sempre più una boutique del meglio della filiera mondiale della gioielleria e dell’oreficeria e in particolare l’edizione di quest’anno presenta diverse novità su più fronti, offrendo sempre nuove opportunità di business ai nostri espositori”. 
Alla vigilia di Vicenzaoro September che si inaugurerà sabato 7 nella città veneta abbiamo incontrato Marco Carniello, direttore della Divisione Jewellery & Fashion di IEG – Italian Exhibition Group, la società, quotata dallo scorso giugno su MTA di Borsa Italiana, che gestisce il quartiere espositivo vicentino e organizza l’importante manifestazione.
Tra le novità Carniello sottolineare il legame con la città che quest’anno più che mai caratterizza Vicenzaoro. 

Città e Fiera sono sempre più connesse per costituire un unicum legato alla filiera dell’oreficeria e gioielleria di tutto il mondo. Per l’edizione alle porte puntiamo sull’arte con una serie di iniziative dedicate a Salvador Dalì, che coinvolgono sia il centro di Vicenza che il quartiere fieristico, e che sottolineano il trinomio fiera-arte-bellezza. Rientrano nel progetto VIOFF – Vicenzaoro Fuori Fiera -, nato dalla collaborazione di Italian Exhibition Group con il Comune di Vicenza e giunto alla terza edizione, dedicata alle “Golden Arts”. In questo modo oltre a rendere sempre più solido il legame con il territorio cittadino ampliamo anche le opportunità per i nostri espositori di potenziare il network di relazioni e ampliare le opportunità di business oltre i tradizionali spazi e gli orari della fiera”.

Ma questa edizione di settembre 2019 si caratterizza anche per molte interessanti dinamiche che riguardano la filiera del gioiello, in cui l’Italia e Vicenza ricoprono un ruolo di assoluto primo piano a livello mondiale. Partiamo dalla crescente attenzione al design.
L’alto design nella gioielleria è un settore che sta crescendo molto e Vicenzaoro vuol dire la sua. Così per la prima volta ospiteremo Stephen Webster, uno dei massimi designer di gioielli a livello mondiale, una sorta di rock star della gioielleria. Ma punteremo sul design anche con The Watch Room, una capsule collection che presenta una selezione di 12 designer internazionali di grande interesse. Questo dimostra come la nostra manifestazione sia sempre attenta e legata  a tutti i diversi contributi del settore”, prosegue Carniello. 

Un altro aspetto che sta emergendo con forza anche nel mondo del gioiello è la sostenibilità. 
Infatti. Il cliente della nostra filiera è sempre più esigente anche in termini di buone pratiche ed è attento alla tutela dell’ambiente, alla salvaguardia dei diritti dei lavoratori, ai materiali, all’efficienza dei processi produttivi e così via. Per questo anche per i gioielli è importante fornire della garanzie di tracciabilità del prodotto in tutte le sue componenti e fasi di lavorazione. In proposito sabato apriremo Vicenzaoro con un talk show dal titolo ‘Diffondere la sostenibilità’ in cui affronteremo proprio questi temi con il contributo di autorevoli relatori.
Altra novità è la rinnovata attenzione alle tecnologie. Finora Vicenzaoro se ne è occupata essenzialmente nell’edizione di gennaio con T-Gold, evento leader a livello internazionale, invece ora macchine e impianti per la gioielleria e l’oreficeria avranno spazio anche nell’edizione di settembre.
“Abbiamo rafforzato l’attenzione sulle tecnologie, un comparto in cui l’Italia è al top nel mondo. In particolare puntiamo sul progetto T-Evolution finalizzato alle nuove tecnologie, come per esempio la stampa 3D, utile soprattutto nella realizzazione dei prototipi da cui si sviluppa la produzione del gioiello vero e proprio che grazie a queste stampanti viene molto velocizzata. Inoltre avremo le ultime novità in tema di macchine e impianti, caratterizzando Vicenzaoro anche qui sempre più come piattaforma di valore per gli operatori del nostro comparto”.

Sempre di tecnologia si parlerà Domenica 8 in “Drive digital and tecnology innovation in the Jewelry business”, l’attesissimo convegno organizzato dal Club degli Orafi in collaborazione con e dedicato all’impatto che innovazioni come e-commerce, omnichannel, Big Data e Analitycs, Immaterial Reality potanno avere sul comparto orafo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!