Morto Saccomanni, ex ministro e presidente di Unicredit

Saccomanni

Il presidente di Unicredit, Fabrizio Saccomanni è morto. Era nato a Roma il 22 novembre del 1942. Ministro dell’Economia nel governo di Enrico Letta, Saccomanni già direttore generale in Banca d’Italia era entrato nel board dell’istituto di credito nel novembre del 2017.

Banchiere ed economista Saccomanni, 76 anni, ha avuto un malore mentre si trovava in vacanza in Sardegna. Solo ieri aveva partecipato insieme al ceo, Jean Pierre Mustier alla conferenza stampa di Unicredit per commentare la semestrale dell’istituto. Laureato in Economia e Commercio alla Bocconi di Milano, si era perfezionato in economia monetaria e internazionale alla Princeton University, Saccomanni ha trascorsa buona parte della sua attività lavorativa in Banca D’Italia dove era entrato, a soli 26 anni, nell’Ufficio di Vigilanza. Era diventato presidente di Unicredit nell’aprile dello scorso anno.

“A nome di tutto il consiglio di amministrazione e di tutte le persone di UniCredit voglio esprimere l’immenso dolore per l’improvvisa scomparsa di Fabrizio Saccomanni. Per me scompare innanzitutto un amico di grande intelligenza e umanità, colto, competente ed arguto”. Lo dice il Ceo di Unicredit, Jean Pierre Mustier in una nota. “La sua scomparsa – aggiunge – è una perdita per l’intero Paese”.

E’ arrivata come un fulmine a ciel sereno la notizia della morte di Fabrizio Saccomanni ai membri del cda della Filarmonica della Scala, di cui il banchiere era presidente dallo scorso 12 dicembre. “Io porto il mio entusiasmo di appassionato di musica classica” aveva detto al momento della nomina il presidente di Unicredit (la banca è main partner della Filarmonica), frequentatore della Scala dagli anni ’50, che aveva voluto assistere anche all’ultimo concerto gratuito in piazza Duomo dell’orchestra diretta da Riccardo Chailly lo scorso 9 giugno. Dispiacere e sgomento sono state le prime reazioni fra i membri del consiglio di amministrazione dell’ensemble, diversi dei quali in vacanza in questi giorni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!