Da Cassa depositi un bond a sette anni

Cassa depositi e prestiti emette un nuovo che sarà in offerta fino al 21 giugno e che punta a raccogliere un miliardo di euro. La durata è di sette anni (scade nel giugno 2026) con cedole pagate ogni tre mesi.

Il lotto minimo sottoscrivibile è di mille euro e la tassazione è al 12,5%.

Non è la prima volta che Cdp si rivolge ai piccoli investitori privati. Era già successo nel marzo del 2015 e allora la proposta fu accolta con molto favore.

La caratteristica principale di questo titolo è che ha un tasso misto, vale a dire che è sia fisso, sia variabile. Un tasso fisso costante, pari al 2,7% copre i primi due anni di vita del bond.

Trascorso questo periodo, il tasso sarà pari all’Euribor a 3 mesi a cui verrà aggiunto uno spread dell’1,94%. Oggi il valore dell’Euribor a 3 mesi è negativo e pari a -0,32%. Se il tasso variabile del nuovo bond fosse calcolato sui valori di oggi, allora il livello finale sarebbe pari a +1,62%.

Su tutti i sette anni, il rendimento medio del tasso cedolare pagato dalla nuova emissione arriverebbe quindi in area 1,90%.

Questo dato è ipotizzato sui livelli attuali dell’Euribor a 3 mei. In sostanza la nuova emissione di Cdp coprirà i primi anni di tassi negativi e poi si aggancerà a una possibile risalita dell’Euribor a 3 anni. Per i risparmiatori si tratta di una scommessa sul futuro dei tassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!