Life Prepair, per il controllo delle emissioni degli allevamenti

Si chiama BAT-Tool ed è un innovativo strumento di calcolo, disponibile liberamente on line, in grado di stimare le emissioni di ammoniaca negli allevamenti intensivi di suini ed avicoli: nel bacino padano potrebbe coinvolgere circa duemila allevamenti oggi soggetti ad AIA, cioè ai procedimenti di revisione delle Autorizzazioni integrate ambientale.

“BAT-Tool”, sviluppato nell’ambito del progetto europeo Life PREPAIR dalla Regione Emilia-Romagna assieme agli altri partner coinvolti nelle azioni relative al settore agricoltura permette di stimare le emissioni di ammoniaca a partire dai dati sulle tecniche applicate negli allevamenti intensivi di suini ed avicoli e di mettere a confronto diversi scenari, fornendo inoltre informazioni semplificate anche su altri gas emessi dagli impianti.

Il software BAT-Tool,  pensato come strumento di supporto nei procedimenti di revisione delle Autorizzazioni integrate ambientali e per gli altri adempimenti che richiedono una valutazione delle emissioni, costituisce un primo passo verso la realizzazione di un modello per la stima delle emissioni dagli allevamenti comune a tutto il bacino padano, previsto come risultato del progetto PREPAIR e che nella sua versione finale comprenderà anche altre specie allevate e altri inquinanti, con approccio integrato tra le diverse componenti ambientali.

Il BAT-tool è già stato sottoposto a una fase di test che ha coinvolto tecnici esperti del settore in diverse Regioni, ed è ora liberamente accessibile on line previa iscrizione al seguente link http://www.crpa.it/battool

Tra le funzioni già attive è presente la possibilità per i gestori degli impianti di esportare i dati inseriti e utilizzarli per la presentazione di domande o istanze.

Il progetto Life PREPAIR mira ad implementare le misure previste dall’Accordo di Bacino e dai piani di ciascun territorio partner (Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, a cui si aggiunge la provincia di Trento) e a rafforzarne la sostenibilità e la durabilità dei risultati: il progetto, che ha preso il via a febbraio 2017 e ha durata di sette anni, copre la valle del Po e le regioni e le città che influenzano maggiormente la qualità dell’aria nel bacino stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!