In Russia lanciano Runet, l’Internet autarchico

La potrebbe presto avere un tutto suo. Vladimir ha emanato una legge che garantirà alla Russia un internet completamente indipendente. In caso di cyber-attacchi Mosca sarà così in grado di utilizzare server locali autonomi e di continuare a operare senza interruzioni, oscuramenti o censure. Una sorta di risposta sovranista, a livello informatico, alla rete globale.

La rete alternativa creata in Russia si chiama (Russian Network), un programma nazionale di economia digitale che sarà affiancato inoltre da una serie di misure che prevedono la realizzazione di un sistema di indirizzi dei domini (Domain Name System, Dns) che garantirà a di funzionare anche nel caso in cui vengano tagliati i link ai server locati in varie parti del mondo.

L’internet globale, utilizzato quasi ovunque nel mondo, resterà attivo. Ma essendo coordinato di fatto dagli Stati Uniti e gestito dall’Icann (l’Internet corporation for assigned names and numbers) con sede a Los Angeles, con tutta evidenza non garantisce alla Russia un controllo autonomo. Runet dovrebbe così risolvere il problema. Pensato ufficialmente per “assicurare la sicurezza e la sostenibilità del funzionamento”, sarà di fatto completamente svincolato dall’Icann per i server nazionali. Non solo, il traffico e i dati del web russo saranno indirizzati verso punti controllati dalle autorità statali. Una rivoluzione totale quindi, che potrebbe aprire scenari fino ad oggi impensabili e scatenare forse una nuova guerra fredda, che andrebbe ben oltre il campo strettamente virtuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!