Cambio ai vertici del Credito Valtellinese che è sempre più russo

Rivoluzione nella banca di Sondrio. L’Ad Mauro Salvetti lascia e le sue deleghe sono assunte dal presidente Luigi Lovaglio che lascia la prersidenza a Alessandro Trotter, Vice Presidente Vicario, in continuità con l’attuale governance.

Ma dietro questo avviucendamento c’è molto di più. Infatti il il fondo russo Altera fondato da Vyacheslav Pivovarov e Kirill Androsov deterrebbe una quota attorno al 7%, e sta raccogliendo attorno alla sua proposta di rilancio  la maggioranza dei soci (attualmente la compagine del Creval vede Denis Dumont, Crédit agricole, l’hedge fund Hosking Partners e il fondo Algebris di Davide Serra tutti sopra il 5%).

Mauro Selvetti era stato salutato come l’uomo che aveva portato a casa il poderoso aumento di capitale da 700 milioni, andando in giro sulle piazze internazionali per presentare la banca, e che aveva lavorato alacremente col presidente Miro Fiordi per ottenere la validazione dei modelli interni da parte della Banca d’Italia, che oggi permettono al Creval di avere un Cet1 fully loaded al 13,5%. Per questo sembrava che per lui si profilasse una nuova alleanza con il presidente Luigi Lovaglio per mettere in campo le strategie di crescita. Invece, a quanto sembra la compagine sociale ha fretta di valorizzare l’investimento fatto e per questo ha individuato in Lovaglio la figura più adatta ad agire, vista la sua esperienza vincente nella banca polacca Pekao, gruppo Unicredit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!