Tenaris: l’Argentina vuole arrestare Rocca

Paolo Rocca, Presidente e Ad di Tenaris

Paolo Rocca, Presidente e Ad di Tenaris

La Procura argentina ha emesso una richiesta diarresto per Paolo Rocca, Presidente e Ad di Tenaris. La richiesta rientra nell’ambito della inchiesta per corruzione in Argentina legata a pagamenti di tangenti a esponenti del passato governo della ex presidente Cristina Fernandez de Kirchner
La richiesta, precisa la nota di Tenaris, “non costituisce un ordine e non ha effetti immediati”. La decisione spetta infatti alla Corte. I pm hanno fatto appello contro la decisione del giudice Claudio Bonadio di rinviare a giudizio Rocca senza far ricorso alla detenzione preventiva.
‘I nostri timori – aggiungono – riguardano maggiormente la visibilita’ sul recupero dei prezzi dei tubi e dei rig-count sul mercato Usa nei prossimi mesi alla luce del recente calo del prezzo del petrolio’. Equita ha un giudizio hold con target a 16,8 euro.
immediate le reazioni alla notizia in Borsa. Tenaris in rosso a Piazza Affari perde l’1,5%, in un mercato in calo dell’1,2%.

1 thought on “Tenaris: l’Argentina vuole arrestare Rocca

  1. Gennaio 23, 2019

    Secondo Gianfelice Rocca, presidente del Gruppo Techint e fratello di Paolo Rocca (amministratore delegato di Tenaris che è stato formalmente incriminato per presunta corruzione in Argentina), il Gruppo Techint non ha preso lavori pubblici nel ultimi 15 anni per la Amministrazione Kirchner; ma la sua versione è contraria a quella della propria impresa Techint Ingegneria e Costruzioni in 2014. Dettagli:

    1) Versione secondo Gianfelice Rocca, presidente del Gruppo Techint.
    Fonte: (RADIOCOR) 21-01-19 18:49:28 (0446) e altri media
    //www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/finanza/dettaglio/nRC_21012019_1849_446137215.html
    ‘In 15 anni mai ricevuto un appalto pubblico’ (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Milano, 21 gen – ‘Il gruppo Tenaris ha dimostrato in modo inequivocabile’ di essere estraneo alle accuse ricevute in Argentina ‘per il solo fatto di non aver preso lavori pubblici negli ultimi 15 anni, pur essendo la piu’ grande impresa di costruzioni dell’Argentina’ e ‘credo che non ci sia altra dimostrazione di quello che e’ stato l’atteggiamento del gruppo in quel periodo’.

    Cosi’ il presidente del gruppo Techint, Gianfelice Rocca, a margine di un evento a Milano, ha commentato la richiesta dei pm argentini che a novembre scorso hanno rinviato a giudizio il presidente e ad di Tenaris, Paolo Rocca, nell’ambito della inchiesta per corruzione in Argentina legata a eventuali pagamenti di tangenti a esponenti del passato governo dell’ex presidente Cristina Kirchner.

    ‘Qualunque posizione – continua Rocca – deve partire da un chiarissimo riconoscimento che, chiunque in quegli anni era in Argentina, sapeva del nostro comportamento e del nostro essere stati oggetto di attacco da parte del governo. Questa e’ la prova piu’ provata di qualunque accusa che ci possa essere fatta’.

    2) Secondo Archivio delle Notizie de la compagnia Techint Ingegneria e Costruzioni, Tenaris e Techint hanno hanno provvisto tubi, ingegneria e costruzioni al Gasdotto del Nord-Est in Argentina
    Agosto 08, 2014
    Argentina: Techint E&C partecipa ai lavori di espansione della Northeastern Gas Pipeline (Gasdotto del Nord-Est)

    Agosto 08, 2014 –

    “Il lavoro comporta la costruzione di un condotto lungo 303 km nella provincia argentina di Formosa. Il contratto, del valore di 1.148 milioni di pesos argentini, verrà eseguito in consorzio con Panedile.

    Durante una cerimonia alla presenza della presidente argentina Cristina Fernández de Kirchner, il 4 agosto di quest’anno, è stata annunciata la firma dei contratti per la costruzione e la fornitura di tubi per la Northeastern Natural Gas Pipeline (GNEA è il suo acronimo spagnolo), per 4.930 milioni di pesos argentini.

    L’opera consentirà di estendere la rete di gas naturale per uso domestico alle province di Salta, Formosa, Chaco, Misiones, Corrientes, Santa Fe ed Entre Ríos, a beneficio di 1,3 milioni di abitanti.

    La prima fase della costruzione consisterà di tre tratti: uno in provincia di Formosa, eseguito dal consorzio Techint E&C-Panedile; un altro nella provincia di Salta, costruito da Vertua SA e il terzo nella provincia di Santa Fe, assegnato al consorzio formato da Helport-CPC-Rovella Carranza e Contreras Hnos.

    Il tratto di gasdotto ad alta pressione affidato a Techint-Panedile avrà una lunghezza di 303 km e 61 cm di diametro, con valvole di blocco e otto stazioni di riduzione della pressione per fornire gas alle città di Los Chiriguanos, Laguna Yema, Pozo del Mortero, Ingeniero G.N. Juárez, Pozo de Tigre, Estanislao del Campo, Juan G. Bazán e Las Lomitas nella regione di Formosa, entro 690 giorni dall’inizio dei lavori.”
    La fornitura di tubi per questa fase è affidata alla società SIAT SA**, per un totale di 98.000 tonnellate.

    ** In 1986 Siderca (oggi Tenaris) ha acquistato SIAT.

    Agosto 8, 2014 – Fonte:

    http://www.techint-ingenieria.com/it/news/argentina-techint-ec-partecipa-ai-lavori-di-espansione-della-northeastern-gas-pipeline-gasdotto

    Flavia Di Cino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!