Il Commissario Ue Moscovici

Il verdetto tenuto e atteso è arrivato: l’Ue boccia la manovra. Tutto come ampiamente previsto. L’analisi condotta “indica che il criterio del debito – comunica la Commissione Europea -dovrebbe essere considerato come non rispettato” dall’Italia “e che una procedura per deficit eccessivo basata sul debito è giustificata”. Il vicepresidente della Commissione Europea Valdis Dombrovskis a Bruxelles spiega che l’iter della procedura per deficit eccessivo basata sul debito “prevede tempo per uno Stato per correggere il suo percorso di bilancio, prima che entrino in funzione rigidi meccanismi di enforcement”.

Per il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici la manovra “comporta rischi per l’economia italiana, per le imprese, per i risparmiatori e per i contribuenti. La Commissione – fa notare – si sta assumendo le sue responsabilità giuridiche e politiche, nell’interesse dei cittadini italiani”. “Il dialogo – sottolinea – non dev’essere un pretesto, ma una realtà, perché molto dipende dalla qualità del nostro dialogo con le autorità italiane. Il dialogo non è un’opzione, ma un imperativo assoluto”. La decisione della Commissione Europea di confermare l’opinione negativa sulla manovra italiana rivista “è – osserva – la logica ed inevitabile conseguenza della decisione dell’Italia di non modificare gli obiettivi di bilancio” per il 2019.

Dopo l’arrivo del verdetto, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dice che il governo è pronto ad un “confronto costruttivo” con l’Ue sulla manovra. La bocciatura è “sul debito 2017, del precedente governo”, sottolinea. “Ci confronteremo con il presidente Juncker sabato sera – annuncia -. Sarà un confronto confido costruttivo, esporremo le rispettive posizioni e valuteremo come procedere. Noi siamo sempre convinti della nostra manovra, che abbiamo ben meditato e impostato. Siamo convinti della solidità del nostro impianto di politica economica e quindi sarò ben disponibile a valutare con lui i passaggi successivi. Siamo tutti concentrati a realizzare le riforme che vanno bene al nostro Paese e confido di poter convincere anche i nostri interlocutori europei che questa è la strada migliore per noi e anche per l’Europa”.