La conoscenza della francese Iliad mette  in crisi i conti di Ti, Tonfo in Borsa per la società telefonica italiana che chiude la seduta con un calo del 5,41% a 0,525 euro, su livelli che non toccava da cinque anni. Ad affondare le azioni del gruppo di tlc è stato un report di Exane Bnp Paribas secondo cui il titolo rimarrà “una trappola del valore”, ossia sottovalutato, in un mercato che, secondo la banca francese, sottostima l’impatto negativo per Tim dall’atteso decollo di Open Fiber e dalla concorrenza di Iliad. A conferma di quest’ultimo fattore sono arrivati i conti del gruppo transalpino guidato da Xavier Niel, che agli inizi di agosto ha raggiunto 1,5 milioni di abbonati in Italia. Secondo gli analisti di Equita poi, Iliad già nella prima metà di settembre potrebbe arrivare a 2 milioni di abbonati. Per lanciare un segnale di fiducia e di impegno personale nell’azienda l’a.d di Tim, Amos Genish, ha fatto acquisti in giornata comprando 1 milione di azioni con un esborso di 523.000 euro.