Google investirà mezzo miliardo di dollari in Jingdong Mall, alias Jd.com, piattaforma di e-commerce cinese. L’obiettivo di Google è espandere oltre confine i suoi servizi di distribuzione. E una mossa per allearsi con uno dei più potenti operatori del settore ecommerce: l’anno scorso ha chiuso vendite per 51 miliardi di dollari.
Google e Jd intendono aggredire il mercato del Sud est asiatico, ma anche Stati Uniti ed Europa. Big G metterà a disposizione la tecnologia, Jd.com le infrastrutture logistiche per le consegne. Il tutto mentre Google sta sperimentando la sua piattaforma Shopping, che confronta i prezzi tra venditori diversi. Il patto è una doppia sfida: Mountain View contro Amazon, Jd contro Alibaba, l’altra piattaforma di ecommerce più diffusa in Cina.
Stando all’accordo Google investirà 550 milioni di dollari in contanti in Jd. com. In questo modo diventerà proprietaria di 27,1 milioni di nuove azioni ordinarie (prezzo 20,29 dollari), che corrispondono all’1% del capitale del gruppo.
Secondo la società di consulenza statunitense, the Boston Consulting group, nel 2016 i consumatori cinesi hanno fatto shopping online per un valore complessivo di oltre 750 miliardi di dollari. Più di quanto hanno speso i clienti di Stati Uniti e Gran Bretagna messi insieme. E ci si aspetta che il settore cresca del 20% ogni anno.