BCE: tassi invariati e l’economia resta in crescita

MDraghi

Mario Draghi Presidente della BCE

La Banca Centrale Europea ha lasciato i tassi d’interesse invariati: il tasso principale resta fermo allo 0%, quello sui prestiti marginali allo 0,25% e quello sui depositi a -0,40%. La decisione è in linea con le attese del mercato.   I tassi di interesse della Bce resteranno sui livelli attuali per un periodo prolungato di tempo e ben oltre la fine del Qe. Lo afferma l’istituto di Francoforte, ripetendo quanto scritto nel comunicato della precedente riunione, aggiungendo che per quanto riguarda le misure straordinarie la Bce “intende condurre acquisti netti di titoli all’attuale ritmo mensile di 30 miliardi di euro, sino alla fine di settembre 2018, o anche oltre se necessario, e in ogni caso finchè non riscontrerà un aggiustamento durevole dell’evoluzione dei prezzi coerente con il proprio obiettivo di inflazione”.
“La crescita dell’Eurozona – ha detto il presidente Mario Draghi – dà segnali di moderazione ma rimane coerente con le prospettive di ripresa dell’inflazione. Cautela ma anche “immutata fiducia” da parte dell’Istituto sul fatto che l’inflazione gradualmente stia risalendo verso l’obiettivo prossimo al 2%”.
“Dopo una crescita superiore alle attese negli ultimi mesi dello scorso anno, ora si registra una qualche moderazione della crescita ma questo rimanendo nel contesto di un’espansione che rimane solida e diffusa”, ha specificato Draghi. Che ha criticato le misure protezioniste globali. “I rischi per le prospettive di crescita sono essenzialmente bilanciati nell’area dell’euro. Mentre quelli legati alle dispute commerciali, stanno diventando più prominenti”.

Piazza Affari allunga il passo con la Bce che ha lasciato i tassi invariati. Il Ftse Mib avanza dello 0,81% e si avvicina alla soglia dei 24mila punti. Il listino avanza con gli acquisti su Mediaset (+3,39%) con la promozione di Berenberg. Il titolo, peraltro, già ieri era ben comprato dopo la formalizzazione dell’offerta di Comcast per Sky. Sale poi Fca (+2,77%) in scia ai conti. Buon passo anche per A2a (+1,49%) alla vigilia dell’assemblea. Invariate Parigi che segna un +0,48% e Francoforte sempre frazionale (+0,10%), così come Londra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!