Fmi: a Italia serve risanamento cedibile

20090214-ROMA-CRO-ROMA G 20 Via 20 settembre presidiata dalle forze dellìordine oggi Roma FABIO CAMPANA

La “priorità per l’Italia dovrebbe essere l’avvio di un risanamento di bilancio credibile e ambizioso per incanalare il debito in una traiettoria di calo”. Lo afferma il Fmi, secondo il quale l’Italia può seguire diverse vie per raggiungere l’obiettivo, ovvero può “aumentare le spese di capitale, spostare la tassazione verso i ricchi e le proprietà e ampliare la base imponibile”. Le banche hanno rafforzato i loro bilanci ma gli sforzi devono continuare. Lo afferma il Fmi, invitando a non mollare la presa soprattutto in Europa dove sono concentrate le banche piu’ deboli, quelle con il maggior numero di non performing loan. Le azioni delle autorita’ europee hanno contribuito a far ridurre lo stock di npl, che comunque restano – si evince dalle tabelle del Fmi – sopra gli 800 miliardi di euro e concentrati soprattutto in Irlanda, Italia e Spagna.

I rischi per la stabilita’ finanziaria e la crescita economica nel breve e medio termine sono aumentati: ”con le banche centrali che continuano a normalizzare la loro politica monetaria, le debolezze finanziarie lasciano intravedere una strada piena di insidie”, che potrebbe mettere in pericolo la crescita. Lo afferma il Fmi, invitando ”investitori e politici” a prendere consapevolezza dei rischi associati all’aumento dei tassi di interesse dopo anni di basso costo del denaro e bassa volatilita’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!