Procede la trattativa tra Popolare Sondrio e Cassa Risparmio di Cento

L’acquisizione della Cassa di Risparmio di Cento da parte della Banca Popolare di Sondrio appare sempre più vicina. Il consiglio di amministrazione dell’istituto valtellinese ha deliberato di convocare l’assemblea straordinaria dei soci, per deliberare in merito al conferimento della delega ad aumentare il capitale a pagamento, con esclusione del diritto di opzione per un importo massimo complessivo di 40 milioni mediante emissione di azioni ordinarie da liberarsi con conferimento di beni in natura. La dimensione concreta dell’aumento di capitale sarà determinata dal consiglio di amministrazione, in sede di esercizio della delega, nella misura strettamente necessaria (e ragionevolmente inferiore al massimo) per soddisfare le esigenze di consegna dei titoli di nuova emissione a fronte del conferimento delle azioni della Cassa di Risparmio di Cento. L’assemblea è prevista per la fine di aprile (il 27 in prima convocazione e il 28 in seconda) per dare il via libera ad un aumento di capitale da 40 milioni di euro. La ricapitalizzazione è parte integrante dell’operazione messa in piedi da Sondrio che prevede, nella prima parte, uno scambio azionario. Le trattative con la Fondazione che controlla il 67% di CariCento, «sono – spiega l’istituto guidato dal consigliere delegato e dg Mario Pedranzini – in fase avanzata di negoziazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!