Fabio Fazio con Matteo Renzi

Anche se la Rai sostiene che non ci sono problemi è, invece, sempre più evidente che il passaggio di “” da RaiTre a RaiUno si è rivelato un flop. E i bassi ascolti riducono inevitabilmente il valore della pubblicità nel programma. Tanto che ora gli inserzionisti iniziano ad essere preoccupati. Infatti, secondo Giuseppe Basile, responsabile area tv di Publicis Media «Non c’è dubbio che ci sia una notevole differenza tra quanto promesso da Rai pubblicità in termini di contatti e i risultati di . Per questo motivo noi abbiamo lanciato l’alert ai nostri clienti, segnalando il trend negativo del programma. Le nostre preoccupazioni riguardano soprattutto il futuro, perché lo show non mostra segnali di ripresa. Per questo valuteremo, tra gennaio e febbraio, con le nostre aziende come modificare gli investimenti. Ma sarà la stessa concessionaria Rai, con tutta probabilità, a proporci prezzi inferiori». Praticamente la differenza è di circa un milione di spettatori: la Rai prometteva quattro milioni di contatti a settembre, e quattro milioni e 200mila a novembre (quando, nei mesi più freddi, aumenta la platea tv), mentre a ottobre sono calati a 3.300.000 e nell’ultima puntata addirittura a 2.800.000. Quindi, il 20% in meno di quanto preventivato, percentuale che è peggiorata nelle ultime puntate.