Corrado Facco, Direttore Generale IEG

“Ci stiamo preparando per arrivare al meglio ad Expo2020 che si svolgerà a Dubai e che avrà tra i temi portanti la sostenibilità, anche per questo come IEG intendiamo essere tra i protagonisti”. E’ quanto annuncia Corrado Facco, direttore generale di IEG Italian Exhibition Group, il top player fieristico italiano cui fanno capo, tra gli altri, i quartieri espositivi di Rimini e Vicenza.
Facco è a Dubai dove si sta svolgendo la terza edizione di VOD, il Dubai International Jewellery Show, e dove lo abbiamo incontrato.
“Una terza edizione di cui mi sento di dare un giudizio estremamente positivo e che corona gli sforzi fatti fin dalla prima (nell’aprile del 2015 ndr) per rispondere al meglio alle richieste ed esigenze di questo specifico mercato”, prosegue Facco. “Per questo dopo due anni ci siamo resi conto che dovevamo aprire anche ai consumer e, quindi, alla parte B2B abbiamo aggiunto quella B2C così da poterci rivolgere anche a quella fascia importante di clientela locale ad altissimo reddito che è solita fare acquisti anche durante le fiere. Una scelta risultata premiante sia per la crescita che stiamo registrando in termini di espositori e di visitatori, sia, e soprattutto, perchè in particolare nell’area trade siamo pienamente riusciti nell’intento di portare nuovi clienti agli operatori locali”.
Quest’anno, poi, IEG ha realizzato un abbinamento tra VOD, che è il più grande Salone organizzato all’estero da un operatore fieristico italiano, e l’Arabian Fashion Week svoltasi in contemporanea nell’emirato, coniugando idealmente il gioiello all’alta moda.

L’inaugurazione di VOD 2017 a Dubai

“Anche questa collaborazione rientra nella nostra strategia di creare sinergie che vanno a tutto vantaggio dei nostri espositori. Teniamo conto che IEG, che è il primo player italiano per numero di eventi in proprietà, è consapevole di come l’internazionalizzione sia uno dei fattori chiave per l’espansione delle aziende e intende aiutare nei loro processi di crescita offrendo manifestazioni di elevata qualità e importanti partneship internazionali. Per questo Expo2020, cui ci stiamo preparando attivamente, è un ulteriore motivo per essere veramente partner dei nostri espositori nei settori in cui operiamo”; prosegue Facco.
Le manifestazioni organizzate da IEG in Italia e all’estero interessano varie importanti filiere. Accanto a quella della gioielleria, troviamo, infatti, il food nelle sue diverse accezioni, il benessere e l’entertainment, il turismo, le tecnologie ambientali e la salute.
Tra l’altro particolari attenzioni Italian Exhibition Group sta rivolgendo anche alla Cina con manifestazioni originali. “La nostra specializzazione nel wellness ci consente di poter in qualche modo esportare i nostri Saloni in un mercato fondamentale come quello cinese dove la continua crescita del livello di benessere delle popolazioni fa sorgere sempre nuovi bisogni”, dice il direttore generale. “Per questo nel 2019 organizzeremo proprio in Cina una manifestazione legata al benessere e attenta particolarmente al settore delle acque termali che è molto diffuso in quel grande Paese dove la stessa medicina tradizionale fa largo uso dell’acqua come elemento di cura”.
Nell’attesa la soddisfazione per il buon risultato conseguito da VOD con oltre 700 espositori da varie parti del mondo (di cui 29 italiani) e un crescente numero di visitatori. Tutti elementi che, grazie anche all’impegno di IEG, fanno oggi di Dubai un importante hub della gioielleria e dell’oreficeria per i mercati del Medio Oriente e dell’Afica.