Dal 2020 al 2022 ci sarà una nuova rivoluzione per i televisori italiani, come quella che ci ha portato al digitale terrestre. Nella Manovra approdata al Senato c’è un articolo che spiega questa transazione, già da tempo preventivabile in base alle normative europee. Entrerà in vigore un digitale terrestre più evoluto e la conseguenza è che le molte tv non compatibili non riusciranno più a sintonizzarsi ai canali. Gli utenti dovranno cambiarle o dotarsi di un decoder. Secondo la Legge di Bilancio 2018, i canali tv passeranno al nuovo digitale terrestre, il Dvb-T2, ossia smetteranno di funzionare sui televisori che non montano gli ultimi standard tecnologici. Il passaggio sarà graduale, regione per regione ed emittente per emittente. Comincerà nel 2018 e sarà completato nel 2022. Chi non ha un televisore compatibile dovrà cambiarlo o comprare un decoder. Il Governo prevede 100 milioni di incentivi che potrebbero coprire in tutto o in parte l’acquisto di decoder (dal costo minimo di 25 euro). In certi casi sarà anche necessario intervenire sull’antenna condominiale per consentire una corretta sincronizzazione dei canali. L’Italia, come già altri Paesi europei, deve togliere alcune frequenze (a 700 MHz) dalle televisioni per consentire il debutto delle reti mobili a banda ultra larga 5G. Il nuovo standard Dvb-t2 consente alle emittenti di trasmettere gli stessi canali, anche in qualità maggiore, su una minore quantità di frequenze rispetto ad ora.  Per prima cosa bisognerà aspettare ulteriori disposizioni per capire quali saranno le regioni che per prime subiranno il passaggio. Poi, “ciascuna emittente dovrà decidere se usare il normale Dvb-T2 (standard Mpeg 4) o anche il codec Hevc – dicono dalla Fondazione -. Nel primo caso, già il 60 per cento circa dei televisori è compatibile. Nel secondo, è circa il 5 per cento”. Il codec Hevc, che dà ulteriori vantaggi alle trasmissioni tv (verso la ultra alta definizione 4K), è supportato solo dalle tv in vendita dal 2017. Di conseguenza, è possibile prevedere che gli incentivi riusciranno a coprire l’acquisto di tutti decoder solo se le emittenti nell’immediato rinunceranno all’Hevc. Altrimenti, alcuni utenti saranno costretti a provvedere di tasca propria. Al momento, l’orientamento è favorire con gli incentivi le categorie esentate dal canone tv. Quelli che hanno un televisore compatibile (sicuramente è il caso dei modelli acquistati nel 2017) o che intendevano comunque cambiarlo nei prossimi due-tre anni, non avranno nessun problema di sorta. Solo il vantaggio di una maggiore qualità video. Per tutti gli altri ci sono alcuni svantaggi: anche se gli incentivi dovessero coprire l’acquisto di tutti i decoder, ci sarà comunque la scomodità di doversi procurare un decoder e di installarlo (cosa difficile soprattutto per molti anziani). Si dovranno risintonizzare i canali e, in certi casi, far venire un tecnico per mettere mano all’antenna condominiale. In ogni caso, si subirà il disagio di un apparato che occupa spazio, ingombra con i cavi, e costringe all’uso di un doppio telecomando.