Marco Milanese

Marco Milanese, ex ufficiale della Finanza ed ex braccio destro di Giulio Tremonti, accusato di aver rivelato notizie segrete di un’inchiesta in corso su un imprenditore messo sotto indagine dalla Dda di Napoli è sttao assolto da tutti i capi di accusa. I giudici della quarta sezione penale del Tribunale di Napoli hanno concluso che nessuno dei reati contestati è stato commesso.
«Questa decisione – commenta l’avvocato Bruno Larosa – restituisce a Milanese la sua onorabilità di ex ufficiale e poi di deputato. L’inchiesta ha contribuito ad indebolire l’allora ministro dell’Economia fino a diventare una delle cause delle vicende che con la grave crisi economica-finanziaria dell’estate 2011 portarono alle dimissioni da presidente del Consiglio dei Ministri di Berlusconi». La vicenda che ha coinvolto Milanese, per la quale la Procura di Napoli formulò al Parlamento una richiesta di arresto poi respinta, venne fuori dagli sviluppi di un filone investigativo sugli investimenti nell’eolico in Irpinia in cui era coinvolto, oltre all’uomo di affari Flavio Carbone, Paolo Viscione in relazione alle attività della società assicurativa Eig. Secondo i pm, Milanese avrebbe ricevuto costosi regali in cambio di rivelazioni di notizie riservate e interventi per rallentare le indagini della Finanza sulla società assicurativa.