Una turista finlandese è stta rapinata, picchiata e violentata nel centro di Roma. Per questo un bengalese di 22 anni è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato. La violenza nella notte tra venerdì e sabato quando la giovane, dopo una serata con le amiche, è stata avvicinata dal bengalese che si è offerto di accompagnarla a casa.
Il cittadino bengalese è in possesso di un regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari. Ha svolto diversi lavori nella Capitale.
“Mi diceva se ti muovi o provi a scappare t’ammazzo, mi minacciava con una grossa pietra”, così è quanto avrebbe raccontato la ragazza finlandese tra le lacrime agli agenti che l’hanno soccorsa nella notte tra venerdì e sabato. “Ho avuto paura di morire, è stato terribile”, ha aggiunto la ragazza sotto choc che poi è stata portata in ospedale. La giovane, circa 20anni, era arrivata da pochi giorni a Roma per lavorare come baby sitter. La ragazza aveva passato la serata in pub nei pressi della stazione Termini con alcune amiche. Uscita è stata avvicinata dal bengalese che le ha offerto un passaggio: lei ha accettato ma una sua amica no. Durante il tragitto lui si è fermato e ha tentato approcci sessuali poi sfociati nello stupro.