Rilievi della Polizia sul luogo dell’incidente

E’ morto il motociclista di 39 anni che era stato trasportato in condizioni gravissime al Policlinico dopo essere stato centrato dalla ruota che si è staccata da un’auto d’epoca mentre percorreva il cavalcavia del Ghisallo, a Milano. Il centauro non è riuscito a schivare con la sua Triumph Speed Triple la ruota della vettura che procedeva nella direzione opposta. La caduta gli ha causato traumi gravissimi. Sono in corso i rilievi per chiarire la dinamica e accertare la responsabilità del proprietario della Volkswagen Tipo 181.
Non sono neanche le 11 quando un’auto d’epoca, una Volkswagen Pescaccia, che percorre il cavalcavia del Ghisallo in direzione periferia, perde la ruota posteriore sinistra all’altezza di viale De Gasperi mentre è in corsa. L’automobilista, un 35enne italiano, che sta guidando l’auto intestata al papà, non può fare altro che fermarsi. Nel frattempo accade l’impensabile: la ruota schizzata via dall’auto come una scheggia impazzita fa un volo di 350 metri e cozza contro la barriera al centro della carreggiata, la quale funge da trampolino lanciandola sulla corsia opposta esattamente nel momento in cui sta passando un centauro in sella alla sua Triumph Street Triple. È Vittorio Ramponi, che viene colpito in testa, cade a terra e resta sull’asfalto privo di conoscenza. Nel mentre la ruota, dopo aver ricevuto la nuova spinta, ritorna suIla corsia da cui era partita. Immediata la richiesta di aiuto, sul posto arrivano 118 e il Radiomobile della polizia locale. Il 39enne viene portato in codice rosso al Policlinico, in fin di vita. Alle 12.27 il suo cuore smette di battere.