I vigili del fuoco salvano il bimbo di 7 mesi

Un terremoto di magnitudo 4.0 ha colpito l’Isola di Ischia alle 20.57 di ieri sera, alcune case sono crollate nel paese di Casamicciola, travolgendo diverse famiglie. Una donna e’ morta colpita dai calcinacci di una chiesa, un’altra e’ stata trovata sotto le macerie della sua casa.  Un bambino di sette mesi e’ stato estratto dopo sette ore e sta bene, mentre si lavora ancora per trarre in salvo i suoi fratelli di 8 e 11 anni. Due uomini e due donne sono stati trovati vivi sotto le case crollate. I feriti accertati sono 26. Paura tra i tanti turisti in vacanza sull’isola. Alcuni sono gia’ rientrati con traghetti straordinari mentre altri aspettano di poterlo fare oggi usi,izzando i traghetti straordinari messi a disposizione per evacuare l’isola.
“La scossa di terremoto avvenuta a Ischia è di magnitudo 4.0 ad una profondità di 5 km, con epicentro a 3 km a nord da Casamicciola”. Ha spiegato il presidente dell’Ingv Carlo Doglioni. Dogliani ha spiegato che il comunicato pubblicato inzialmente sul sito dell’istituto, che indicava una magnitudo 3.6 e a 10 km di profondità, è legato a informazioni redatte in automatico dal sistema informatico, che spesso indica una profondità di 10 km. Successivamente vengono fatte delle analisi più precise per quantificare la dimensione del sisma. “Da quello che sappiamo finora il terremoto è di origine tettonica e non vulcanica – spiega il presidente dell’Ingv – Casamicciola è nota per i terremoti: nel 1883 se ne verificò uno di magnitodo 5.8 che fece 2.300 morti”. Sulle conseguenze che la scossa ha avuto nell’isola, Dogliani nota che “non è una novità che terremoti anche di bassa magnitudo facciano danni, perché superficiali e perché le costruzioni non sono adeguate”. Come sempre, a questo punto, bisogna vedere se il fenomeno sismico evolverà in aumento o se ci sarà una coda di scosse di minore magnitudo.
Oltre che a Casamicciola effetti del terremoto sono stati avvertiti anche in altre parti dell’isola. A Lacco Ameno, la scossa si è sentita forte. Gli abitanti di via Borbonica, una zona alta del comune, appena avvertita la scossa sono scappati dalle case.