Salvo imprevisti e colpi di scena, si avvicina l’approvazione del ddl Concorrenza in Senato. Rispedito a Palazzo Madama in quarta lettura dopo il via libera della Camera del 29 giugno scorso e passato nelle mani della Commissione Bilancio della quale si aspetta il parere, il testo sarà discusso nuovamente la prossima settimana e verrà approvato con le opportune modifiche con il voto finale dell’Aula fra il 1° e il 3 agosto prossimi, nelle ultime due sessioni utili prima della scadenza dei termini.

Tra le tante novità che saranno introdotte dal ddl una volta approvato, sono previsti sostanziali cambiamenti in tema di bollette di luce e gas. Nel ddl è infatti contenuto il diritto del consumatore alla rateizzazione delle maxi-bollette derivanti da problemi di fatturazione: in caso di bollette con alti importi derivate da ritardi o interruzioni della fatturazione (oltre che dalla prolungata indisponibilità dei dati di consumo), i fornitori di energia e gas saranno infatti obbligati a rateizzare le fatture. Inoltre, il ritardo massimo per i conguagli sarà portato da 5 a 2 anni. Attenzione però: se il conguaglio è imputabile a cause riconducibili al cliente, la rateizzazione salta.