Sempre più vicino l’obiettivo del cuore artificiale, l’alternativa alla lunghe liste d’attesa per un trapianto. Un team di ricercatori del Laboratorio di Materiali Funzionali dell’ETH di Zurigo, ha da poco pubblicato i risultati ottenuti nella produzione di un cuore artificiale costruito grazie a una stampante 3D, in grado di pompare sangue e interamente in silicone, senza parti meccaniche e in metallo. Il cuore artificiale sviluppato all’interno del Politecnico svizzero ha una dimensione di 679 centimetri cubi e pesa poco meno di 400 grammi. L’aspetto è simile a quello di un vero e proprio cuore, di cui inoltre riproduce fedelmente il funzionamento. C’è però un limite, per ora la ‘macchina’ ha limite di 3mila battiti, quindi una durata di circa 40 minuti dopo questo tempo i materiali si logorano. Ma la strada verso il cuore artificiale è tracciata.