La Camera ha approvato la legge che introduce nell’ordinamento il reato di tortura. I sì sono stati 198, i no 35 e gli astenuti 104.

“Ben 33 anni dopo aver firmato la convenzione internazionale contro la tortura, anche l’Italia si dota di una legge in materia. Il testo che è stato votato oggi a Montecitorio arriva al termine di un dibattito complesso, nel corso del quale le due Camere hanno prospettato riguardo ad alcuni aspetti soluzioni differenti”, scrive in una nota la presidente della Camera, Laura Boldrini.

“Su una materia così delicata si sono pronunciati ancora nelle ultime settimane, evidenziando criticità, il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, giuristi, magistrati di Genova. L’approvazione della legge – conclude – segna un passaggio decisivo, ma come sempre potrà essere il Parlamento, sulla base della concreta applicazione delle norme, ad apportare le modifiche che si dovessero rivelare necessarie”.