E’ un 36enne con problemi psichici, originario dell’ex Jugoslavia e residente nell’ovest della Germania, l’uomo arrestato ieri per aver aggredito con un’ascia la folla nella stazione di Duesseldorf. Dei sette feriti, fra cui due donne, quattro sono in gravi condizioni. Rimasto ferito gravemente anche l’aggressore. La polizia tedesca esclude al momento l’ipotesi terrorismo. Tanto sangue e panico nell’area dove la polizia è intervenuta in modo massiccio. La gente è stata allontanata dal posto, ma molti sono rimasti davanti alle balaustre.
La motivazione del fatto è ancora non chiara, per gli inquirenti.
I passeggeri sono rimasti a lungo a bordo dei treni per una misura precauzionale. “Sono rimasto un’ora e mezza sul treno, la polizia è salita varie volte, e ha guardato all’interno. Ora finalmente siamo potuti scendere”, ha raccontato un passeggero alla Dpa.
È un grave colpo per Duesseldorf. I testimoni dell’aggressione sono sotto shock” ha detto il sindaco della città del Nordreno-Westfalia, Thomas Geisel, arrivato alla stazione centrale. “Sono qui per ringraziare la polizia. I miei pensieri vanno ai parenti dei feriti”, ha aggiunto. “Non pensiamo che si tratti di un episodio di terrorismo”, lo ha detto un portavoce della polizia di Duesseldorf . La pista non può essere del tutto esclusa, ha spiegato, ma gli inquirenti ritengono che potrebbe essersi trattato di un atto di criminalità comune.