Le imprese del sistema moda italia si riuniranno presto in un’unica organizzazione di rappresentanza. Nascerà infatti a marzo la conglomerata di Confindustria che riunisce le imprese di Smi (Sistema Moda Italia), Assocalzaturifici, Aimpes (Associazione Pellettieri) e Anfao (Associazione Fabbricanti Articoli Ottici) che muovono un giro d’affari  di oltre 90 miliardi di euro, secondo in Italia per importanza dopo la meccanica. L’indicazione è arrivata da AssoServizi Biella, la società di servizi dell’Unione Industriale Biellese (che fa capo a Confindustria). Dopo l’accordo, il prossimo passo della nuova maxi federazione, la prima a recepire a pieno la riforma Pesenti (che prevede uno snellimento dell’apparato confindustriale), sarà quello di riuscire a concentrare in dieci giorni a settembre tutte le fiere e le sfilate della moda, come previsto in occasione dei precedenti tavoli del Comitato moda e accessorio.
“Lo scopo è avere più peso sia all’interno di Confindustria sia a livello a Paese, pur senza perdere la nostra identità. Oltre alle quattro associazioni, ci saranno anche dei soci aggregati come l’Aip, l’associazione italiana pellicceria. Allo studio c’è anche l’acquisto di una sede comune a Milano e la gestione di alcuni servizi in comune”-
Oltre alle quattro associazioni, ci saranno anche dei soci aggregati come l’Aip, l’associazione italiana pellicceria. Allo studio c’è anche l’acquisto di una sede comune a Milano e la gestione di alcuni servizi in comune”, conclude la numero uno di Assocalzaturifici. Sul nome del nuovo soggetto sarebbero al vaglio delle ipotesi, anche se per ora c’è del riserbo.