Bancarotta fraudolenta per MercatoneUno

Perquisizioni esequestri agli ex soci e amministratori del Gruppo Mercatone Uno indagati per bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione: sono accusate di aver “spogliato”, attraverso una serie di sofisticate manovre finanziarie e societarie, la struttura commerciale per oltre 300 milioni di euro. Disposto dal gip il sequestro preventivo delle quote della CVE srl in cui sono illecitamente confluiti i numerosi immobili (presenti su tutto il territorio nazionale e del valore di 170 milioni di euro) di cui il Gruppo era in possesso e dove ancora vengono esercitate le attività commerciali. Le indagini, condotte dagli uomini del nucleo di polizia tributaria di Bologna  sotto la direzione del pm Michele Martorelli, si sono concentrate su alcune complesse operazioni societarie straordinarie, poste in essere tra il 2005 ed il 2013, “riconducibili ad un unico disegno ideato e finalizzato a depauperare il patrimonio dell’azienda privandola tra l’altro delle garanzie per le esposizioni esistenti soprattutto verso il sistema bancario”. In particolare, è stato accertato “come tali beni siano stati ceduti ad un fondo immobiliare lussemburghese (per poi successivamente passare alla CVE Srl, una vera e propria “società cassaforte” costituita ad hoc) che era riconducibile ai soci della holding imolese, ma che il prezzo di tale vendita sia stato pagato utilizzando di fatto le stesse risorse finanziarie aziendali”. Tali operazioni hanno contribuito in maniera determinante a provocare il dissesto finanziario che ha condotto il Gruppo Mercatone Uno, meno di due anni fa, a richiedere e ottenere l’ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria speciale per le grandi imprese in crisi (cosiddetta Legge Marzano).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!