Lagardegfrande

Christine Lagarde

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) lima le stime di crescita per l’Italia per il 2017 e il 2018. Il pil crescerà quest’anno dello 0,7%, 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle stime di ottobre. Nel 2018 la crescita sarà dello 0,8%, 0,3 punti percentuali in meno rispetto alle precedenti stime. Lo afferma il Fmi aggiornando il World Economic Outlook. Nel 2016 l’economia italiana è cresciuta dello 0,9%. Il Fmi conferma le stime di crescita mondiali per il 2016 e il 2017. Il pil globale crescera’ quest’anno del 3,4%, per accelerare nel 2018 a +3,6%. Il Fmi rivede al rialzo le stime per le economie avanzate, che cresceranno quest’anno dell’1,9%, 0,1 punti percentuali in piu’ rispetto alle stime precedenti, e nel 2018 del 2,0%, +0,2 punti percentuali.Il Fmi rivede al rialzo le stime di crescita degli Stati Uniti e dell’Area euro nel 2017. L’economia americana si espandera’ quest’anno del 2,3%, 0,1 punit percentuali in piu’ rispetto alle stime di ottobre. Per il 2018 la crescita e’ stimata a +2,5%, 0,4 punti percentuali in piu’ rispetto alle previsioni precedenti. L’Area euro crescera’ quest’anno dell’1,6%, +0,1 punti in piu’ rispetto alle stime di ottobre. Invariata a +1,6% la crescita per il 2018.
L’economia inglese resiste alla Brexit. Il Fmi rivede al rialzo le stime di crescita della Gran Bretagna per il 2017, rivedendo al ribasso quelle per il 2018. La crescita inglese si attesterà quest’anno al +1,5%, 0,4 punti percentuali in più rispetto alle stime di ottobre, ma in rallentamento rispetto al +2,0% del 2016. Per il 2017 il pil inglese è previsto attestarsi al +1,4%, 0,3 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni precedenti.