Utenze: da gennaio novità in bolletta

bollette

bolletteNuove regole per migliorare la fatturazione, a tutela del consumatore. Scatteranno a partire dal 1° gennaio le disposizioni introdotte sulle bollette dall’Autorità per l’energia, il gas e il sistema idrico che riguarderanno tutti i clienti domestici e i piccoli consumatori dei settori interessati.
A partire dal 1° gennaio 2017, il fornitore avrà l’obbligo di “utilizzare prima i consumi effettivi messi a disposizione dal distributore e le autoletture comunicate dal cliente e, solo successivamente, le stimate dallo stesso venditore (o quelle messe a disposizione dal distributore). A tal fine viene intensificato l’uso dell’autolettura, con la definizione di una finestra temporale all’interno della quale i clienti potranno comunicarla, e l’obbligo per il venditore di prenderla in carico e trasmetterla al distributore per la validazione entro 4 giorni (salvo che non sia palesemente errata). Viene previsto, in via generale, il divieto di fatturare consumi anticipati, ossia successivi alla data di emissione della fattura”.
Il fornitore sarà obbligato a emettere la fattura di luce e gas entro e non oltre 45 giorni solari dall’ultimo giorno di consumo fatturato. Con il superamento del termine stabilito, il fornitore sarà quindi obbligato a riconoscere al cliente, attraverso un accredito sulla prima fattura utile, un indennizzo che varia dai 6 ai 60 euro calcolato in base ai giorni di ritardo.
Il fornitore sarà obbligato a rateizzare le bollette con importi anomali o che non rispettano il tempo massimo di fatturazione, estendendo la rateizzazione anche al mercato libero. Le bollette di luce e gas, inoltre, saranno fatturate con maggior frequenza, avendo cadenza bimestrale per i piccoli consumatori e mensile per i grandi. Infine in base alle disposizioni dell’Autorità, ogni venditore “dovrà offrire ai propri clienti un’offerta standardizzata (per poter permettere una facile comparazione tra le varie offerte), diversificata solo nel prezzo, a parità delle altre condizioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!