L’arresto di Raffaele Marra, il potente dirigente del Comune di Roma vicino al Sindaco Raggi ha scatenato la satira in Rete. Bersagli preferiti la stessa Raggi e i parlamentari pentastellati, in primis Di Maio e Di Battista. Sul web sono numerose le vignette che ritraggono i leader grillini con feroci battute. I politici, invece, sui social, chiedono le dimissioni del Sindaco di Roma.

“Arrestato Marra. Raggi non aspetti il calar della notte per dimettersi #Raggidimettiti”. È quanto scrive Stefano Pedica del Pd su Twitter in merito all”arresto di Raffaele Marra, capo del personale del Comune di Roma e braccio destro di Virginia Raggi.

“Anche questa volta i grillini non provino a buttarla in caciara, i romani hanno ben capito di che pasta è fatto il M5S: tante chiacchiere in piazza e post sui blog ma in Campidoglio hanno prodotto zero, a parte dimissioni, indagati e arresti. Per rispetto nei confronti dei romani e in nome della trasparenza, tanto sbandierata dalla Raggi, il sindaco si dimetta”. Così in una nota Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi-An in Campidoglio.

Cos’altro deve succedere prima che il sindaco Raggi si dimetta? Roma è allo sbando, la Giunta è incompleta, gli assessori abbandonano l’incarico uno dopo l’altro, dopo 6 mesi dall”insediamento manca ancora il capo di gabinetto, i collaboratori fedelissimi della Raggi, come Marra, vengono arrestati. I 5 stelle prendano atto del loro fallimento e si torni a votare per un nuovo sindaco”. Lo afferma Elvira Savino, deputata di Forza Italia.