ndrangheta-rrseti‘Ndrangheta, 14 arresti nel Reggino: ai domiciliari il sindaco di Bova Marina. Il sindaco di Bova Marina, Vincenzo Crupi, è tra i 14 arrestati nell’operazione di carabinieri della provincia di Reggio Calabria. Crupi, ai domiciliari, è accusato di corruzione per l’appalto per la raccolta dei rifiuti nel suo comune, “controllato” dalla cosca Iamonte,uno dei gruppi storici della ‘ndrangheta.  Ai domiciliari, con la stessa accusa, il vicesindaco e l’assessore al Turismo di Brancaleone, Giuseppe Benavoli ed Alfredo Zappia, e l’ex sindaco di Melito Porto Salvo, Giuseppe Iaria, già coinvolto in una precedente operazione. Le 14 persone sono accusate, a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, turbata libertà degli incanti e violenza privata. L’operazione riguarda le cosche di ‘ndrangheta “Iamonte” e “Paviglianiti”, attive a Melito di Porto Salvo, San Lorenzo, Bagaladi e Condofuri, comuni della provincia di Reggio.