Alessandro Benetton

Alessandro Benetton

Alessandro Benetton si è dimesso dal cda di Benetton Group. Un passo che probabilmente verrà ufficializzato domani. Il figlio di Luciano Benetton abbandona l’azienda di famiglia dopo essere stato presidente esecutivo sino al 2013. All’origine della decisione dell’imprenditore cinquantenne la mancata condivisione sui progetti futuri dell’azienda di Ponzano Veneto. Alessandro sarebbe infatti contrario alla ristrutturazione aziendale e favorevole a un rilancio del marchio storico. Un ulteriore colpo agli equilibri storici della famiglia già messi a dura prova dopo la scissione in tre parti dell’azienda dividendola tra la parte industriale, quella immobiliare e il retail.
Le dimissioni testimoniano le tensioni in atto all’interno del Gruppo di Ponzano Veneto. Quella di Alessandro è una chiarissima presa di distanze o rispetto a una conduzione che non lo vede concorde da un paio d’anni. Siamo a un bivio secco. Da una parte vi è la probabilità di una ristrutturazione dello storico gruppo di abbigliamento, mentre secondo la tesi di Alessandro, invece, sarebbe stato indispensabile puntare a un rilancio. Un dissenso radicale, di politica industriale, molto più che un contrasto di caratteri come può avvenire in ogni famiglia.