tromba-daria-lazioTuoni, fulmini, forti raffiche di vento a Roma e nel Lazio. In ginocchio la città di Ladispoli, comune sul litorale a nord della Capitale, dove una tromba d’aria si è abbattuta sul centro della città scoperchiando gli ultimi due piani di un palazzo in via Ancona: un ragazzo, secondo le prime ricostruzioni un indiano di 25 anni, è morto dopo essere stato colpito alla testa da un cornicione. Un’altra vittima si è registrata a Cesano, vicino al lago di Bracciano, dove un 61enne è rimasto schiacciato da un albero in via Senio. Numerosi feriti a Ladispoli per la caduta di frammenti edilizi e altri materiali. Decine le abitazioni lesionate, alcune delle quali sono state evacuate per il rischio di fughe di gas. Per le persone impossibilitate a rientrare nelle proprie case la Cri – in molti stabili sono in corso verifiche di stabilità – ha allestito uno spazio di pernottamento nella palestra di via De Bagnac. Il Comune ha annunciato che lunedì le scuole rimarranno chiuse. La tromba d’aria, che ha interessato un’area molto vasta, è stata così violenta da buttare a terra anche la gru di un cantiere.

La forte perturbazione ha distrutto negozi e gazebo sulla spiaggia e nel centro abitato. Crollati alberi e lampioni. Sul posto sono intervenuti in forze i vigili del fuoco e 50 squadre della Protezione civile regionale: negli interventi sono stati coinvolti oltre 200 volontari. La strada statale Aurelia è stata chiusa per evitare rischi agli automobilisti. Due feriti lievi a Cesano: mentre erano sedute al ristorante, il maltempo ha frantumato una vetrata e le schegge hanno colpito i clienti. Pesanti le ripercussioni sul traffico ferroviario con un guasto alla rete elettrica: alle 17 la circolazione sulla FL5 Termini-Civitavecchia tra Ladispoli e Cerveteri si è interrotta per riprendere soltanto in serata con ritardi a catena e forti rallentamenti.

Situazione critica anche nella Capitale: allagamenti e oltre 70 alberi caduti. Carreggiata invasa dai rami a via Guido Guinizzelli, altezza via Bartoli, sulla circonvallazione Gianicolense. Stessa situazione a via Luigi Canina, al Flaminio, e su lungotevere dei Sangallo all’altezza di Ponte Mazzini. Parzialmente chiusa via Leone IV per la caduta di un grosso ramo che ha occupato gran parte della carreggiata. Code e traffico rallentato sul Gra tra la Flaminia e la Tuscolana in entrambe le direzioni. In viale Carso un tronco abbattutosi sulla strada ha comportato la deviazione temporanea dei bus delle linee Atac 280, 301 e 628.

Analoghi disagi in via di Baccanello, dove è stata sospesa la linea bus 306. Allagamenti su via Laurentina, via Cristoforo Colombo e via Marmorata. Chiusa via Ostiense, verso Piramide, nella corsia centrale. Fiumi d’acqua anche tra Portonaccio e la Tangenziale est e davanti alla Fao a piazza di Porta Capena. Su Twitter foto di piazzale del Verano inondato da fiumi d’acqua: «Impraticabile». C’è chi cinguettava la formula, tanto nefasta quanto suggestiva, della bomba d’acqua e chi, atterrito, paventava l’ennesimo lunedì da incubo sotto la pioggia battente: «Dopo il terremoto il nubifragio, mancano solo le locuste. Apocalisse».