Renzi con Jeff Bezos numero uno di Amazon

Renzi con Jeff Bezos numero uno di Amazon

Il Bonus di 500 euro deciso dal Governo per spese in formazione e cultura dei diciottenni potrà essere speso anche online. E un gigante dell’e-commerce, come Amazon, ne ha subito approfittato.  E’ stato infatti tra i primi a creare un sito e una app dedicati per la conversione del buono in merce. Merce, evidentemente, acquistata su Amazon.
Niente di male se non ci fosse un problemino di conflitto di interessi. Nei mesi scorsi Diego Piacentini, Manager di punta proprio di Amazon, è stato nominato commissario straordinario per l’Agenda Digitale, ossia è l’uomo incaricato di tutti i processi di digitalizzazione informatica decisi dal Governo. Un incarico che Piacentini svolgerà per due anni a titolo assolutamente gratuito. Nel frattempo si è posto in aspettativa da Amazon.
E tra i suoi primi atti proprio l’indicazione delle modalità  di distribuzione online del bonus sia si sito che su app.
Già al momento della nomina, la cui importanza è stata ribadita proprio sabato scorso alla Leopolda dal ministro Marianna Madia, qualcuno aveva storto il naso. Soprattutto perchè nel decreto di nomina di Piacentini non c’era alcun riferimento  alla Legge Frattini sul conflitto di interessi.
E tra quanti avevano protestato c’è stato il presidente della Commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia del Pd secondo cui “per molto meno abbiamo messo Berlusconi in croce per vent’anni”.