Continua ad essere segnalata la commercializzazione di polizze Rc auto, anche aventi durata temporanea, tramite www.galloassicurazioni.com, www.assipuntodrive.com, www.brokeriamo.it. Tali siti, rileva l’Ivass in una nota, “non sono riconducibili a intermediari iscritti al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi (Rui) pur riportando i riferimenti e i numeri di iscrizione corrispondenti a intermediari regolarmente iscritti che hanno dichiarato la loro estraneità alle attività svolte tramite i siti stessi”.

L’Istituto richiama pertanto “l’attenzione degli utenti e degli intermediari sulla circostanza che l’eventuale stipulazione di polizze r.c. auto intermediate dai siti di cui sopra comporta per i contraenti l’insussistenza della copertura assicurativa e per gli operatori lo svolgimento di un’attività non consentita dalle vigenti disposizioni normative”.

Più in generale, l’Ivass raccomanda di verificare sempre, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e/o intermediari regolarmente autorizzati o abilitati allo svolgimento dell’attività assicurativa in Italia, tramite la consultazione sul sito www.ivass.it.