genovaUn poliziotto di 50 anni ha sparato, uccidendole, alla moglie e alle due figlie, poi ha telefonato alla polizia confessando il gesto e si è suicidato. La strage poco prima delle 7 di stamane in una casa di Cornigliano, nel ponente genovese. L’uomo, Mauro Agrosi, poliziotto del reparto mobile di Bolzaneto, ha lasciato una lettera in cui spiega che «la vita ha troppi problemi». Ai poliziotti del 113 ha detto: «Venite a casa mia, vi lascio la porta aperta, ho ucciso tutti». Al loro arrivo gli agenti hanno trovato i quattro cadaveri. La moglie di Agrosi aveva 49 anni, le figlie 14 e 10 anni.

L’agente Agrosi, fanno sapere, dalla Questura, non aveva incarichi operativi ma si occupava dei sistemi informatici. Secondo le prime informazioni Agrosi non aveva manifestati particolari disagi nell’ultimo periodo. Per uccidere moglie e figlie avrebbe usato la pistola d’ordinanza.