E’ rimasta uccisa in una sparatoria la figlia appena 15enne dello sprinter Usa Tyson Gay, campione del mondo dei 100 e 200 nel 2007 ad Osaka. Trinity, questo il nome della ragazzina, è stata colpita da un proiettile vagante mentre stava pranzando in un ristorante a Lexington, nel Kentucky. A quanto ha spiegato la polizia locale, il colpo è partito durante una sparatoria tra due gruppi di persone a bordo di due auto che si stava consumando nel parcheggio del fast food, forse per un regolamento di conti tra bande. Il proiettile ha colpito la 15enne alla gola. Portata d’urgenza in ospedale, la ragazzina non ce l’ha fatta e poco dopo il coroner ne ha dichiarato la morte.

Sotto choc il padre, partito immediatamente dalla California per rientrare a Lexington. “E’ una cosa pazzesca. Non ho idea di cosa sia successo”, ha detto. Trinity, come Tyson Gay, era una velocista ed era considerata una promessa dell’atletica.