Il terremoto di magnitudo 6 che ha colpito Rieti “è circa 2-3 volte inferiore, in termini di energia liberata, a quello che ha colpito L’Aquila nel 2009, che era di magnitudo compresa tra 6.2 e 6.3” ha detto all’ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Gli esperti sono cauti nel fare confronti perché bisogna valutare bene tutti i dati ma si può dire che l’altra grande differenza con L’Aquila è che: “in quel caso il terremoto è avvenuto sotto una città di 70.000 abitanti, oggi è avvenuto in una zona un po’ meno abitata”. Una somiglianza invece riguarda il meccanismo alla base dei due eventi: “entrambi i terremoti – ha spiegato l’esperto – sono stati causati dall’estensione dell’Appenino da Est verso Ovest. Il meccanismo è lo stesso anche alla base del terremoto che ha colpito Umbria e Marche nel 1997”. Inoltre, ha aggiunto Amato, sia il terremoto di oggi, sia quello che ha colpito L’Aquila nel 2009 “sono entrambi molto superficiali, avvenuti a circa 7-8 chilometri di profondità”.