Controlli dei carabinieri nel quartiere Laurentino a Roma oggi, 11 gennaio 2012. I posti di blocco dell'Arma sono finalizzati alla ricerca dei magrebini che hanno ucciso il commerciante cinese e la figlia di sei mesi nell'agguato di Tor Pignattara del 4 gennaio. ANSA/CLAUDIO PERI

E’ in corso un’operazione anticorruzione dei carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Benevento, che stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare anche in carcere, emessa dal gip nei confronti di 10 persone, gravemente indiziate, a vario titolo dei reati di corruzione e turbata libertà degli incanti. Fra questi un funzionario apicale del Comune di Benevento, alcuni intermediari e gli imprenditori titolari delle ditte edili vincitrici delle gare.

Sono in corso anche perquisizioni e sequestri di denaro e beni mobili e immobili. I provvedimenti sono scaturiti da un’attività investigativa condotta dai carabinieri e coordinata dai magistrati della Procura di Benevento retta dal Procuratore Giovanni Conzo.

Dalle indagini è emerso un sistema originale per consentire l’aggiudicazione di appalti rientranti nel Progetto Più Europa del Comune di Benevento alle ditte compiacenti. Le imprese versavano una tangente del 7% al funzionario del Comune di Benevento, che si avvaleva di un laparoscopio, ovvero una speciale microtelecamera utilizzata in medicina, per conoscere in anticipo, prima dell’apertura delle buste, le offerte contenute nelle procedure di partecipazione.